venerdì 10 giugno 2011

Sarda fritta



Questa è una ricetta facilissima ma molto gustosa e poi sapete che il pesce azzurro ha grassi insaturi chiamati omega 3 importanti per lo sviluppo celebrale e per la salute di cuore e arterie.
La ricetta prevede due soli ingredienti, allora iniziamo e prendiamo:

  • 500 kg di Sarde
  • Farina 00 salata qb

Procedimento:

Prendiamo la nostra farina e mettiamoci del sale, mescoliamo e iniziamo ad impanare le nostre sarde passandole una volta u di un dorso e una volta sull’altro.
Nel frattempo abbiamo messo dell’olio in padella a fiamma media, io uso quello di semi e lasciamo le sarde a rosolare finchè non si saranno dorate da entrambi i lati e saranno diventate rigide.
Mettere su carta assorbente per far asciugare l’olio in eccesso.
Non mi rimane che dirvi   BUON APPETITO!!!

P.s. Si possono usare anche le alice per questa preparazione e a chi non dovesse piacere il pesce solo fritto alla fine della frittura si può togliere l’olio fritto e mettere un filo d’olio EVO a cui aggiungere uno spicchio d’aglio schiacciato. Quando si sarà rosolato rimettiamo le sarde e sfumiamo con un giro di aceto di vino bianco, lasciamo sfumare e woilààà avremo un buonissimo pesce saporito.

Nessun commento:

Posta un commento

Se hai lasciato un commento significa che la mia ricetta ti ha colpito....allora mi raccomando provala!!!

venerdì 10 giugno 2011

Sarda fritta



Questa è una ricetta facilissima ma molto gustosa e poi sapete che il pesce azzurro ha grassi insaturi chiamati omega 3 importanti per lo sviluppo celebrale e per la salute di cuore e arterie.
La ricetta prevede due soli ingredienti, allora iniziamo e prendiamo:

  • 500 kg di Sarde
  • Farina 00 salata qb

Procedimento:

Prendiamo la nostra farina e mettiamoci del sale, mescoliamo e iniziamo ad impanare le nostre sarde passandole una volta u di un dorso e una volta sull’altro.
Nel frattempo abbiamo messo dell’olio in padella a fiamma media, io uso quello di semi e lasciamo le sarde a rosolare finchè non si saranno dorate da entrambi i lati e saranno diventate rigide.
Mettere su carta assorbente per far asciugare l’olio in eccesso.
Non mi rimane che dirvi   BUON APPETITO!!!

P.s. Si possono usare anche le alice per questa preparazione e a chi non dovesse piacere il pesce solo fritto alla fine della frittura si può togliere l’olio fritto e mettere un filo d’olio EVO a cui aggiungere uno spicchio d’aglio schiacciato. Quando si sarà rosolato rimettiamo le sarde e sfumiamo con un giro di aceto di vino bianco, lasciamo sfumare e woilààà avremo un buonissimo pesce saporito.

Nessun commento:

Posta un commento

Se hai lasciato un commento significa che la mia ricetta ti ha colpito....allora mi raccomando provala!!!

Ricevi le mie ricette per e-mail

Qualcosa di me..

La mia foto
Sono una piccola donnina classe 1979, siciliana di nascita amo tantissimo la cucina...il mio sogno è aprire una piccola trattoria ma so bene che lì non sono permessi sbagli e allora intanto faccio pratica nella mia casetta emiliana dove tra farina, uova e zucchero creo i miei piatti...amo moltissimo fare i dolci, ma non tanto mangiarli. Forse un giorno chissà anche io potrò realizzare uno dei miei sogni...del resto non è mai troppo tardi!